Management del dolore post-operatorio – Auff!

Browse By

E’ da prima dell’estate che noi di Questa Non E’ Arte conosciamo il Management del dolore post-operatorio. E non perchè ci fosse successo qualcosa di brutto. Ci sembrava che questo quartetto di Lanciano (CH), proponesse qualcosa di diverso.
Quando, dopo averli seguiti via web al Sziget Festival, magicamente abbiamo scoperto della loro data all’Anguriara di Fara V.no ovviamente ci siamo fiondati e abbiamo assistito ad uno dei migliori concerti di musica indie-rock degli ultimi due anni.
Testi diretti, ritmi graffianti e melodie acide in un vortice di emozioni tipiche dell’ascolto di qualcosa di unico in quel momento e in quel luogo.
E dopo esserci innamorati del loro Auff! non potevamo far altro che intervistarli!

1. Il Management del dolore post-operatorio, un nome una garanzia come il dolore post operatorio. Com’è? Qualcuno di voi non ha passato il test d’ingresso a medicina e sapeva suonare un sacco bene la chitarra?
Quando si era piccoli si aveva la passione per il vino. Poi abbiamo preso la patente e non abbiamo smesso, finché un giorno ce la siamo vista con un albero.

2. Auff! (Martelive, 2011) ricorda molto i Franz Ferdinand. Cos’ha di speciale Auff!?
E’ un disco un po’ sincero, ecco cosa ha di speciale. Ma di speciale ha anche che è un disco non troppo sincero.

3. Tutti vorremmo essere come Marylin Monroe. Belli, ricchi, corteggiati, ammirati. O forse siamo solo delle pedine in mano a qualcun altro?
Il mito lo hanno inventato quelli del cinema americano. Fino ad un secolo fa dentro al Colosseo ci andavano a dormire i barboni.

4. “I gabbiani volano sul mare e volano sulle discariche. Amore, questa è la vita”. Una frase rubata a Guccini per descrivere l’esistenza.
Guccini. Lo stilista?

5. “Signor Poliziotto” mi ricorda invece il basso di Giulio Favero e il Teatro degli Orrori. Mi sembra inoltre un messaggio di libertà d’espressione e di capacità di leggere oltre la realtà e la normalità. Perché ci rimane ancora la capacità di sognare e di guardare oltre. Almeno lo speriamo!
Il Teatro degli Orrori è un gruppo fantastico, li ammiriamo molto. Ma non abbastanza da scrivere una capacità di “sognare” e metterci il basso di Giulio.

6. “Pornobisogno” potrebbe essere il nuovo inno post-romantico dell’era berlusconiana. Magari ve lo accetta come inno del nuovo PDL!
Vincerebbe di nuovo le elezioni. Ma forse gli italiani sono talmente stupidi che ci riuscirebbe anche senza il nostro aiuto.

7. Non siamo liberi di fare delle scelte come “Amore Borghese” o arriviamo a sbottare e a fare gesti estremi come “Norman”. Il nostro futuro è quindi già scritto?
Nulla è scritto. E’ stupido credere anche nella stessa morte, tutti danno per certo che prima o poi si debba morire.Un giorno (presto) l’uomo la sconfiggerà.

8. Perché ci facciamo la guerra tra poveri cristi quando potremmo ribellarci e collaborare contro i potenti?
Perché siamo egoisti. Si contano sulle dita di una mano le persone che si farebbero 45 minuti di carcere per regalare la libertà al mondo intero, figurati tu se si può lottare contro i potenti.

9. Speriamo che ora non si avvicini una major e vi spinga ad un minor utilizzo di metafore nei testi e ad una melodia più consona alla tradizione musicale italiana. Non sareste i primi. Cosa sperate per il vostro prossimo futuro?
Che arrivi una major.
(risate del pubblico)
Speriamo di rompere il culo a tutti.
E che ci sia gente degna di farsi rompere il culo.
Non vogliamo mica suonare con Cristina D’Avena.

Web Site Management del dolore post-operatorio
Management del dolore post-operatorio on Facebook
Video “Nei Palazzi” on Youtube
Video “Auff” on MTV Brand New
Official Video “Irreversibile” on Youtube
Recensione “Auff” by Rockit

0 thoughts on “Management del dolore post-operatorio – Auff!”

  1. Pasu says:

    il pezzo s’intitola “amore borghese” non bugiardo.

    1. alessia_camera says:

      Grazie della segnalazione!Abbiamo provveduto a correggere l’errore! 😉

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *