Tra ricordi distorti e realtà percepita- Dygoro Sasaki

Browse By

Londra è una delle città più multi-culturali del mondo e, qunado mi sono trasferita, ho pensato fosse l’occasione per conoscere degli artisti del posto. Dopo un po’ (il lavoro è più difficile del previsto), ho avuto il piacere di conoscere e vedere la mostra di Dygoro Sasaki, grazie ad un amico in comune (grazie TaeHyung Kim!)
Dygo è un artista, non solamente un fotografo e sta analizzando ed esplorando il rapporto tra memoria e realtà, nei diversi modi in cui quest’ultima viene percepita o distorta dalle persone e dagli eventi.
La cosa che mi è piaciuta di più è stata la sua capacità di farti leggere tra le righe e di lasciarti pensare per capire quali sono le differenze con un approccio più generalista.
Che cosa rappresenta la memoria? E che percezione si ha della creazione? E della distruzione?

1) Com’è nata la tua passione per le foto e l’arte?
La mia arte non è una passione. Quello che faccio è pensare sempre ai miei possibili lavori, in modo naturale, analizzando il momento del pensiero, del suono, delle parole e dei pensieri. E’ come fossero una parte della mia vita.

dygoro-london-photography2) Le tue opere sono ricche di collaborazioni, quanto credi sia importante la condivisione con altri artisti?
Mi piacciono le collaborazioni, credo che le opere condivise siano molto diverse dai lavori che creo in modo indipendente. A volte sono diversi da come me li immagino, poichè vengo spinto a sviluppare idee diverse. Mi piace inoltre sperimentare nuove tecniche ed idee.

3) Credi ci sia una linea di separazione tra le diverse forme artistiche o pensi sia solo nella nostra testa?
Tutte le diverse forme artistiche interagiscono tra di loro, non credo ci siano reali confini, è come un insieme di forme che si sfiorano e si incrociano tra di loro, che si intersecano e sono connesse in alcune parti grazie ad un movimento comune.

4) Quanto ti senti influenzato da Londra? E dal Giappone?
Quando sono venuto qui ero veramente interessato all’arte europea, tuttavia ho sentito molto fortemente la mia identità e il mio background solo dopo essermi trasferito. Credo sia perchè ho sentito il cambiamento, ma mi sono sentito più giapponese a Londra di quando ero in Giappone! In ogni caso sono sempre stato interessato a mixare i due approcci e le diverse culture.

5) Dove trovi ispirazione?dygoro-sasaki-collaborations
Mi piacciono i paradossi, i conflitti e le idee contradditorie e le risposte, che a volte entrano in loop senza fine. A volte le risposte cambiano e questi loop cambiano a loro volta in onde, che si trasformano poi in scenari ed idee. E’ per questo che a volte i miei lavori sembrano contradditori, ma credo che le risposte continueranno sempre a cambiare senza raggiungere una fine.

 6) Dove ti vedi in 2-3 anni?
Mi piacerebbe molto esibirmi in tutto il mondo, valorizzando le installazioni e performance di live art attraverso la fotografia ed altri elementi visuali.

 

dygoro-sasaki-london-this-is-not-art

 

Dygoro Sasaki Web Site

One thought on “Tra ricordi distorti e realtà percepita- Dygoro Sasaki”

  1. Pingback: Between memory and reality – Dygoro Sasaki – Questa Non È Arte – This is Not Art
  2. Trackback: Between memory and reality – Dygoro Sasaki – Questa Non È Arte – This is Not Art

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *